Calcio alla caviglia dell'arbitro! 38 mesi di squalifica nonostante le scuse del giorno dopo fatte attraverso messenger!

di Antonello Menconi
articolo letto 1568 volte
Foto

Potrà tornare a giocare solo dopo il primo dicembre del 2021 il calciatore del Capocavallo Francesco Frullani, che in occasione della gara persa 2-1 contro il Madonna Alta era stato espulso per doppia ammonizione e poi al termine aveva atteso l'arbitro fuori dal terreno di giuoco e, una volta avvistatolo, lo aveva raggiunto alle spalle e lo aveva colpiva con un violento calcio alla caviglia sinistra, provocandogli un dolore fortissimo e persistente. Questa la ricostruzione del giudice sportivo della Federcalcio umbra, Marco Brusco, il quale ha spiegato che “nonostante la pronta applicazione di ghiaccio, il dolore rimaneva intenso e la caviglia cominciava a manifestare segni di gonfiore, così da costringere il direttore di gara a recarsi al "pronto soccorso" dell'ospedale di Perugia, ove gli veniva diagnosticato un trauma contusivo alla caviglia sinistra con prognosi di 10 giorni s.c. e terapia domiciliare. Gli veniva raccomandato, altresì, l'assoluto riposo dall'attività fisica e la rivalutazione del medico curante in caso di persistenza della sintomatologia con eventuale visita ortopedica ed RM alla caviglia interessata. Nella giornata successiva il direttore di gara riceveva sul social "Messenger", da un account apparentemente riconducibile al Frullani, un messaggio di scuse. (con la precisazione che detta sanzione va considerata ai fini dell'applicazione delle misure amministrative come previste dall'art.16 comma 4 bis del Codice di Giustizia Sportiva nel testo approvato dal Consiglio Federale della FIGC”.


 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy